A Biella la coesione comunitaria passa dai sistemi alimentari

Il 12 aprile 2017 a Biella si è svolta la terza conferenza del percorso “Lavorare per la cura della casa comune – per un’ecologia integrale del Biellese“, la serata, focalizzata sui sistemi alimentari come elemento di coesione comunitaria, ha visto impegnati due relatori: Egidio Dansero (Università di Torino) ed Andrea Magarini (Centro di Ricerca EStà).

Il Biellese è un territorio a metà tra Torino e Milano, offre diversi spunti di riflessione sulle tematiche alimentari, durante l’incontro sono state condivise e discusse visioni innovative per considerare il sistema alimentare come una delle principali ricchezze della comunità biellese.
Durante l’incontro precedente, il sociologo Aldo Bonomi ha posto il tema della relazione tra la comunità operosa (profit) e la comunità della cura (non-profit), come antidoto per la comunità rancorosa e disgregata. Su questa base è stata introdotta la serata sui sistemi alimentari, osservando il grado di centro-periferia del biellese (cerchio nero) che si costituisce come un territorio omogeneo intorno alla città di Biella.

ewfed

Nell’incontro del 12 aprile Dansero e Magarini hanno presentato gli elementi strutturali di un sistema alimentare e di come questo possa essere considerato al pari di un’infrastruttura complessa di relazioni, attori, geografie, temi, politiche ed economie.
All’interno della globalizzazione e della conseguente crisi degli stati, emergono con forza due soggetti istituzionali: le istituzioni internazionali (Europa, Fondo Monetario) e le autorità locali (città e territori).
In questo quadro il cibo può essere inteso come un patrimonio strategico di un territorio sul quale costruire una visione politica. Una visione in grado di connettere centro e periferia, città e territori, attori profit e non-profit, istituzioni e società civile. Emerge dunque il concetto di prossimità, l’elemento cardine di una comunità coesa.

DSC

Durante la serata sono state presentate due esperienze locali, a testimonianza dell’interesse verso il sistema alimentare del territorio belliese: Agrimangiamo, un’esperienza di filiera corta dove un’associazione locale si è attivata per la coltivazione condivisa di un appezzamento di patate, su superfici comunali sfitte ed incolte e l’esperienza del GASB, il Gruppo di Acquisto Solidale di Biella che riunisce 70 famiglie per acquisti solidali, costruendo un valore aggiunto che faccia leva sulle relazioni di valore tra produttore e consumatore.
Esperienze che potrebbero essere valorizzate all’interno di un percorso di approfondimento, analisi ed interpretazione del sistema alimentare biellese. Anche in altri territori singole esperienze sono state scalate ed “istituzionalizzate”, all’interno di una cornice di senso politica più ampia. In tal senso si richiama la funzione solidale delle Reti e Distretti dell’Economia Sociale, piuttosto che le Banche della Terra che attraverso la leva delle superfici pubbliche creano occasione di accesso alla terra (e dunque al suo capitale) per esperienze di imprenditoria innovativa.
Durante il confronto diversi tra i presenti hanno sostenuto l’interesse del territorio per individuare un orizzonte a breve-lungo termine, nel quale connettere tutte le risorse localmente disponibili all’interno di un processo per incardinare maggior valore sul sistema alimentare del biellese.

L’edizione 2017 si pone in continuità con il percorso di approfondimento svolto nel 2015/2016 sull’Enciclica di Papa Francesco Laudato Sì. L’obiettivo è individuare quali linee di sviluppo dell’enciclica possano incrociarsi con le tendenze del territorio biellese, secondo il punto di riferimento dell’ecologia integrale promosso dall’enciclica, ovvero uno sviluppo che sappia tenere insieme nuove occasioni produttive/lavorative, la cura del territorio e la lotta alla disuguaglianza ed alla povertà.
Gli incontri coordinati da Vincenzo Buttafuoco e Mariachiara Toso delle ACLI di Biella non rappresentano esclusivamente un momento di  approfondimento culturale, ma vogliono avviare un dibattito tra le realtà istituzionali, sociali e produttive della  provincia di Biella, per disegnare insieme uno sviluppo nuovo del territorio Biellese.

17835124_1940273236205511_2815584892889956085_o


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...