Presentato l’AfricaAct alla Camera dei Deputati

Il 28 luglio 2016 alla Camera dei Deputati il Partito Democratico ha presentato l’Africa Act, un progetto di legge che contiene un “pacchetto di misure per rilanciare le relazioni tra l’Italia e il continente africano, in una logica di co-sviluppo”.

Lia Quartapelle, capogruppo PD alla Commissione esteri della Camera, ideatrice e promotrice della legge ha presentato così la proposta: “La profondità strategica della politica italiana si trova in Africa” spiega: “Sfide globali come migrazioni, cambiamenti climatici e terrorismo possono essere risolte solo attraverso la cooperazione, insieme”. Il governo, di fatto, ha già sostenuto la proposta con il sostegno del Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, secondo cui “l’Africa Act è un’elaborazione della posizione politica importante, sulla quale si può investire”.

L’impostazione dell’Africa Act ricalca quella della legge di riforma della cooperazione, con il focus sull’alleanza pubblico-privato. Ecco allora la creazione di un trust-fund presso la Cassa depositi e prestiti, per attrarre anche le risorse del settore profit. L’assunto è che i fondi per l’aiuto allo sviluppo sono e resteranno pochi. Il governo promette di raggiungere lo 0,25 per cento del Prodotto interno lordo entro fino anno, sorvolando sull’impegno dello 0,70 sottoscritto in sede Ocse. Ma tant’è. Meglio rimboccarsi le maniche, dicono al ministero degli Esteri, descrivendo l’Africa Act come parallelo al Migration Compact proposto all’Unione Europea: entrambe le iniziative vorrebbero favorire uno sviluppo economico “indispensabile anche per una corretta gestione dei fenomeni migratori”.

L’Africa Act rappresenta uno strumento che prevede misure legislative e operative tese a rafforzare la presenza italiana in Africa. Abbiamo consapevolezza della nuova centralità del continente e crediamo che la cooperazione possa essere la soluzione dei problemi. La sfida è quindi lanciare una “nuova via con l’Africa”, al fine di assicurare che questa parte del pianeta non sia più territorio di sfruttamento, di insicurezza e di migrazioni di massa, ma un continente dove pluralismo e coesistenza delle società si possano affermare in un contesto di pace e di sicurezza, nel quale le opportunità economiche servano a chi abita il continente e funzionino come mercato fertile anche per le nostre economie.

La presentazione del documento è avvenuta durante il convegno intitolato ‘La via italiana dell’Africa: un nuovo paradigma per lo sviluppo’. Moderatore Jean Leonard Touadì, già deputato italiano ed ora consulente FAO, la deputata Lia Quartapelle promotrice del progetto di legge, il viceministro agli Esteri e alla Cooperazione Mario Giro, gli Ambasciatori del Sudafrica Nomatemba Tambo e del Regno del Marocco Hassan Abouyoub,  il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, che ha riconosciuto nel documento una posizione politica importante, sulla quale il Governo può investire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...