Finanza e fisco

Le implicazioni finanziarie sono spesso trascurate nel trattare le questioni del cibo come politica urbana; probabilmente a motivo del fatto che, nella percezione diffusa, le iniziative locali vengono affidate a forme di autoorganizzazione sociale che non dispongono di cultura o di leve finanziarie e fiscali o, molto spesso, sono trattate come attività marginali che non richiedono l’impiego di meccanismi di questo tipo appositamente progettati o dedicati. Tuttavia, molte città hanno trasformato sperimentazioni sociali in politiche di più ampio respiro agendo su leve fiscali e supportando le diverse forme di innovazioni dei propri sistemi alimentari con appositi strumenti finanziari. Oltre all’universo di monete complementari citato nel paragrafo dedicato all’accesso al cibo, si segnala che Berkeley, San Francisco e New York (si vedano le relative infografiche) hanno promosso l’applicazione di una tassa locale sulle bibite gassate per combattere la diffusione di bevande che inducono l’obesità. Il ricavato sostiene iniziative di contrasto a questa patologia e ai suoi effetti.